Martedì, 10 Febbraio 2015 15:04

IN VISTA DELLA VISITA DEL MINISTRO MARTINA

L’AGRICOLTURA NON SI SALVA

CON LE PASSERELLE

NON CI SALVERA’ NESSUNO SE NON NOI STESSI

NON SI SALVERA’ NESSUNO

SE NON CI SALVIAMO TUTTI

BIANCHI, NERI, PICCOLI AGRICOLTORI, LAVORATORI, DISOCCUPATI…………

SIAMO TUTTI IN CAUSA NELLA TRAGEDIA DELL’AGRICOLTURA DELLA PIANA

e non vgliamo che si trasformi in farsa.

ALCUNE DOMANDE AL MINISTRO E A CHI LO INTERPELLA:

-      A CHE SERVE FARE LEGGI E SIGLARE CONTRATTI PROVINCIALI SE POI, SI SA, RESTANO LETTERA MORTA?

-      COME SI PUO’ AFFRONTARE LO SFRUTTAMENTO DEI LAVORATORI SE I PREZZI DEI PRODOTTI AGRICOLI NON CONSENTONO IL RISPETTO DEI DIRITTI?

-      COME SI PUO’ PARLARE DI AGRICOLTURA SENZA FARE DIFFERENZE TRA GROSSI E PICCOLI, PRODUTTORI E COMMERCIANTI, CONVENZIONALE E BIOLOGICO… SENZA ESPRIMERSI SU QUESTO, COME SI PUO’ PARLARE DI QUALITA’?

-      PERCHE’ NON SI VUOLE IL DOPPIO PREZZO DEI PRODOTTI COMMERCIALIZZATI NEI SUPERMERCATI, CON INDICAZIONE DEL PREZZO SORGENTE?

AL PRESIDENTE OLIVERIO:

-      QUANTO SPENDE LA REGIONE PER ANDARE A EXPO, QUANDO I SOLDI NON CI SONO PER LE ESIGENZE ELEMENTARI DELLA NOSTRA AGRICOLTURA?

-      QUANTO SI SACRIFICA PER QUESTO DEL RISICATO FONDO REGIONALE?

-      COSA FA LA REGIONE PER AFFRONTARE LE ESIGENZE D’ACCOGLIENZA DI CHI VIENE QUA A LAVORARE PER DUE SOLDI NEI NOSTRI CAMPI?

AI CITTADINI:

INUTILE CHIEDERE ALTRE ELEMOSINE ALLA POLITICA. L’AGRICOLTURA DELLA PIANA, PER COME E’ STATA VOLUTA DALLA POLITICA E DAI GROSSI INTERESSI ECONOMICI, HA SCAVATO NEI DECENNI LA VORAGINE IN CUI OGGI CROLLA. O SI CAMBIA O SI MUORE.

LA CALABRIA PRODUCE IL 30 % DI QUELLO CHE CONSUMA.

COSA SUCCEDEREBBE SE PRODUCESSIMO TUTTO QUA? QUANTI GUADAGNI, QUANTO LAVORO IN PIU’, SENZA LE UMILIAZIONI DEL MERCATO DELLE GROSSE CATENE…

NON E’ UNA COLPA DEI LAVORATORI IMMIGRATI SE VENGONO QUI A CERCARE LAVORO E D’ALTRONDE CHI SE NE GIOVA C’E’. SE STANNO MALE LORO STA MALE IL TERRITORIO, DISAGIO PORTA DISAGIO.

IL PROBLEMA NON E’ DI ROSARNO MA DELLE CAMPAGNE DI TUTTA EUROPA. BISOGNA CHIEDERE POLITICHE DI ACCOGLIENZA DIGNITOSE, SOLO COSI’ SI EVITA IL DEGRADO.

CHI GUADAGNA DALLA MISERIA DELLA NOSTRA AGRICOLTURA FATTA DI BASSI PREZZI E BASSI SALARI? A COMINCIARE DA COOP, CONAD, ESSELUNGA… FINO A TUTTI I BIG DELLA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA. SIANO LORO A PAGARE STRUTTURE DI ACCOGLIENZA DEGNE, MAGARI ANCHE CASE SFITTE, PORTANDO SOLDI AL TERRITORIO INVECE DI DEGRADARLO CON LA VERGOGNA DEI CAMPI.

SOS Rosarno

Iscriviti alla newsletter