Infame: si dice di persona che, per aver compiuto azioni particolarmente turpi e spregevoli, si è resa indegna della pubblica stima (Enciclopedia Treccani).

E non ci viene altro termine per definire il gesto che è stato commesso ai danni della famiglia di Michele Conia.  

Ecco perché oggi, dopo il gesto, appunto, infame, siamo a Cinquefrondi.

Siamo qua non solo per lui e per la sua famiglia tutta, che stringiamo a noi in un abbraccio affettuoso, forte e solidale.

Siamo qua per Cinquefrondi tutta, per i paesani di Cinquefrondi, per le strade, le piazze e le mura di Cinquefrondi, siamo qua per il cielo e i boschi di Cinquefrondi. Siamo qua insieme a tutte quelle donne e quegli uomini che insieme a Michele hanno fatto di Cinquefrondi un posto semplicemente migliore.

A voi che, approfittando delle tenebre, avete commesso questo gesto vile e vigliacco diciamo che non potete fermare il vento: gli fate solo perdere tempo!”

Sos Rosarno

Domenica, 09 Dicembre 2018 16:13

Suruwa Jaiteh è morto, viva Suruwa Jaiteh! Sì, perché un ragazzo nel fiore degli anni aveva tutto il diritto di vivere la sua vita che, invece, è stata spezzata dal clima di odio e di tensione ultimamente aumentati a dismisura.

Ecco la realtà, purtroppo, raffigurata dagli scheletri anneriti dei tuguri di lamiere immersi nella fanghiglia e nell’immondizia e, quel che è atroce e irreparabile, dal corpo carbonizzato di Suruwa.

Mercoledì, 05 Dicembre 2018 13:23

Care e cari,

come sapete la comunicazione non è il nostro forte...

Abbiamo qualche problema a caricare il listino aggiornato sul sito.

In attesa di renderlo scaricabile anche dal sito, vi preghiamo di richiedere il listino tramite mail, scrivendo a  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  e vi manderemo il file excel come allegato.

Grazie di cuore dall'allegra combriccola di Sos Rosarno

Lunedì, 22 Ottobre 2018 09:47
Pagina 1 di 33
Iscriviti alla newsletter